RACCOMANDAZIONI D'USO

Creative Commons License

Le vignette di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.
L'utilizzo non a scopo di lucro, salvo espressa autorizzazione dell'autore, è consentito citando la fonte o creando un link a questo blog.

sabato 13 aprile 2024

PREMIER VOICE




L'Agcom ha varato le nuove norme della Par Condicio in relazione alle prossime elezioni europee sconfessando per le  tv private le nuove norme emanate dalla Vigilanza RAI  che favoriranno i rappresentanti del Governo e per le quali è già in atto una protesta dei giornalisti.
Da quando la TV ha in pratica sostituito il Parlamento l'occupazione di questo mezzo d'informazione è considarata vitale da tutte le parti politiche, anche se, a guardar bene i livelli di astensionismo, qualche riflessione sulla qualità dei dibattiti andrebbe fatta.


 

giovedì 11 aprile 2024

IL "NUOVO" PATTO IMMIGRAZIONE

 



Roberta Metsola annuncia con gioia l'approvazione del nuovo patto UE per l'immigrazione da parte dell'Europarlamento. 
"Abbiamo fatto la Storia" dice ma in effetti la storia non cambia. Chi pensava ad un superamento del patto di Dublino resta deluso, rimane la regola del primo approdo che l'Italia ha sempre sostenuto con ragione di essere ingiusto, mentre vengono previsti solo aiuti economici per chi darà asilo ai migranti.
 Fratelli d'Italia e Forza Italia votano a favore mentre la Lega vota contro ma Giorgetti probabilmente tira un sospiro di sollievo: a 20000 euro per migrante asilato, con un milione di asili l'anno, in cento anni azzereremmo il nostro Debito Pubblico.

mercoledì 10 aprile 2024

TROPPO BONUS




Anche se siamo in campagna elettorale dà un po' fastidio sentire accusare l'opposizione di aver portato al disastro il bilancio pubblico con IL SUPERBONUS AL 110%, che è indubbiamente stato un grosso errore, ma del quale hanno approfittato tutti quelli che potevano e soprattutto quelli che potevano di più.

 

martedì 9 aprile 2024

INTANTO A GAZA...

 



In Italia si è aperto un gran dibattito sulla proposta del Ministro dei Trasporti Salvini che ha riaperto la corsa alle sanatorie per gli abusi edilizi magari ancora da compiere.
A Gaza migliaia di palestinesi che hanno iniziato a tornare a Khan Yunis hanno trovato solo macerie.
E' possibile che nel tempo le case vengano ricostruite ma quello che temo non sarà possibile sanare, neanche con un grande condono, sarà purtroppo l'odio che è stato seminato.

lunedì 8 aprile 2024

LA QUESTIONE MORALE


 


Povera Schlein, sembrava finalmente essere riuscito un accordo di coalizione con il M5S che Conte prende al balzo la palla dello scandalo dei voti di scambio per fare naufragare l'accordo in fase di perfezionamento per le primarie che dovevano decidere il candidato comune a sindaco di Bari.
 Lo scandalo è tale ed è grave  anche perché permette alla destra di rinnegare una volta di più la pretesa superiorità morale del PD nei confronti degli altri partiti e la lite con Conte è altrettanto grave perché una sinistra così divisa difficilmente potrà competere elettoralmente.
Insomma, una strada sempre più in salita per la giovane Segretaria del PD.


 

sabato 6 aprile 2024

I RECALCITRANTI


 

Da alcune tifoserie si spinge per  il calcio di inizio a quella che potrebbe essere anche l'ultima del Campionato.
Mancando un arbitro affidabile speriamo che siano i giocatori a rifiutarsi di scendere in campo.
 

venerdì 5 aprile 2024

CONDONO SEMPER CERTO EST


 

Salvini, Ministro dei Trasporti, ha preparato un nuovo Condono Edilizio per il 2024.
Sembra strano che dopo tutti quelli che ci sono già stati ci siano ancora situazioni da sanare, ma il fatto è che gli abusi nascono come funghi anche perché, in Italia,  più che la certezza del diritto esiste la certezza del condono. 
Questa volta almeno il motivo non è più quello di fare cassa, giacché si sa che nessun condono precedente ha prodotto il gettito sperato, ma un chiaro e trasparente volantino elettorale.

giovedì 4 aprile 2024

COMBINATO-DISPOSTO



 
E' da tempo che la Sanità Pubblica è nel mirino di quanti hanno sempre visto le enormi occasioni di guadagno puntando sul bene prezioso della salute.
Ora, mentre ci si accorge che il SSN non sta più in piedi, il Governo si appresta a realizzare quell'Autonomia Differenziata tra le Regioni che, invece di salvaguardare allo stesso modo il diritto alla salute  per  tutti i cittadini  come prescritto dalla Costituzione, rischia di aumentare le differenze tra regione e regione e tra ricchi e poveri (che poi sarà un po' lo stesso).
E dire che i guasti e i danni al SSN e al Pubblico Bilancio derivano proprio dal decentramento anche di materie pubbliche per eccellenza come la Salute, messo in atto già con la (per me famigerata) Riforma dell'articolo quinto della Costituzione. Ma, come si dice, perseverare è diabolico.

  

mercoledì 3 aprile 2024

L'AMMAZZASETTE

 


Netanyahu si scusa per il tragico errore, ma l'uccisione dei sette operatori volontari, colpiti dai missili sparati dai droni israeliani, conferma  quanto poco valga ormai la vita umana.
Visto anche che i filmati sconfessano l'ipotesi di una semplice, malaugurata e involontaria pressione di un bottone.
Topolino nel vecchio cartoon disneyano era diventato un eroe, ma erano mosche!  

martedì 2 aprile 2024

GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA SULL ' AUTISMO
















 

PERICOLO DI CONTAGIO




La Presidente della Commissione Europea risulta indagata per il cosiddetto "Pfizergate". 
Le indagini sugli enormi affari legati all'acquisto dei vaccini anti Covid passano ora ufficialmente dal Belgio ai Procuratori dell'Unione Europea e la Von der Leyen risulterebbe compromessa per i rapporti con l'AD della potente Pfizer.
In Italia parleremmo subito di "orologeria", sta di fatto che la notizia non può essere separata dagli effetti che può avere nelle imminenti elezioni Europee e dai possibili apparentamenti politici in corso.
Nessun panico s'intende, ma è lecito attendersi un aumento delle precauzioni e, perché no, una diversificazione delle frequentazioni.
  

lunedì 1 aprile 2024

PRIMO D'APRILE TURCO

 



 
Il risultato delle elezioni amministrative in Turchia è una brutta sorpresa per Erdogan.
L'opposizione vince soprattutto nelle grandi città e fa vacillare anche la sua poltrona.
A Istambul la folla festeggia la vittoria del sindaco democratico uscente Ekrem Imamoglu prossimo sicuro candidato alla successione del "sultano".